Sono trascorsi 40 anni da quando,  il 13 maggio 1978 il Parlamento approvò definitivamente la legge 180/1978, conosciuta come “legge Basaglia”, legge  che porta il nome del suo ideatore e promotore Franco Basaglia.

Legge  storica perché rappresentò la fine dell’era degli ospedali psichiatrici in Italia, ovvero la chiusura dei manicomi e  diede inizio  ad una “umanizzazione” nei percorsi di cura.

Da circa 10 anni, il gruppo di lavoro che coinvolge molte realtà territoriali propone serate di formazione/informazione intorno agli argomenti legati alla salute mentale.

Quest’anno abbiamo pensato di proporre tre serate artistiche che vedono al centro il tema della salute mentale, per portare alla luce emozioni che per anni sono rimaste sedate e relegate in ambienti specializzati, ma che pensiamo debbano diventare patrimonio di tutti.

Sono le emozioni che ci caratterizzano come esseri umani, e sicuramente in queste tre serate riusciremo a farne emergere davvero tante.

Il 13 Ottobre a Ghedi, frutto di un lavoro promosso dall’associazione il chiaro del bosco – Salò, laboratorio di lettura espressiva “IO COME VOI”, condivideremo alcune tra le più significative poesie della più importante poetessa del 900, Alda Merini, che in manicomio trascorse 8 anni della sua vita. Una vita segnata dalla malattia, una persona che ha saputo donarci poesie di infinite emozioni.

il19 Ottobre a Pontevico, l’esperienza di un gruppo di persone che ha saputo trasformare un laboratorio riabilitativo musicale in una forma innovativa di comunicazione. La potenza suggestiva della musica, dunque, diventa uno strumento di espressione per gli elementi che compongono il gruppo musicale stesso  e opportunità di  forte coinvolgimento emotivo per chi li ascolta.

l 17 novembre: a Manerbio spettacolo teatrale “tre sull’altalena”. Rappresentazione che ha come obiettivo  trasmettere il concetto positivo di apertura e non di chiusura dei manicomi. Si vuole valorizzare il percorso di “Guarigione” del paziente non come eliminazione del problema ma come accettazione e gestione dello stesso (rappresentazione del percorso Recovery),.

 

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu